News

MINI-DIZIONARIO ITALIANO-MACACHESE

Lav-Macachi-foto-dizionario

Ormai conoscete i Magnifici 16 come i vostri amici di Facebook (non i migliori magari, ma quelli di cui avete accettato l’amicizia dopo esservi visti una volta sola sì).
Resta solo un piccolo problema di comunicazione: loro non parlano l’italiano – i Magnifici, non i vostri amici di Facebook.
Anzi, per la precisione non parlano umano. Non hanno nemmeno “un” verso: modulano l’intonazione per dare significati diversi a quello che vogliono esprimere, un po’ come facciamo noi con la nostra voce.
Per capirli, quindi, dobbiamo imparare i loro gesti. Ecco le basi per comprendere il macachese.

1 – “Vuoi essere mio amico?”/“Facciamo pace?”/”Stiamo calmi!”: se vedi un macaco fare del grooming a un altro macaco, cioè se gli sta spulciando e sistemando il pelo, non vuol dire che è il suo parrucchiere di fiducia ma che

  • vuole entrargli in simpatia, oppure
  • deve farsi perdonare qualcosa (chiedete ad Alfa se non ne sa qualcosa) oppure
  • vuole smorzare la tensione che sente nel gruppo.

Per capire nello specifico di che caso stiamo parlando, non resta che osservare il contesto. A parte Alfa: lui sta sempre cercando di farsi perdonare qualcosa da una delle sue tante amanti.

2 – “Ciao!”/”Sono ai tuoi ordini.”: il cosiddetto “greeting” può essere sia un generico saluto che un gesto di sottomissione. Per maggior completezza d’informazione, lasciatemi aggiungere che il saluto dei macachi di Giava non è accompagnato da un cenno della mano, ma da un veloce tocco di labbra. Praticamente un bacio. Furbi, eh?

3 – “Sono tanto triste e stressato”: fortunatamente da quando i Magnifici sono a Semproniano è da un po’ che non ce lo dicono più. Ma all’inizio, come ogni animale che è stato costretto a lungo a vivere rinchiuso in gabbia, mostravano comportamenti stereotipati come il circling (quando cioè un animale gira in tondo ossessivamente) e il pacing (quando ripete continuamente lo stesso percorso, senza un particolare motivo per compierlo).

Aiutaci a cancellare per sempre quest’ultima espressione dal vocabolario macachese. Dona ora per mantenere tutti i Magnifici 16 nel centro si Semproniano.

Diventa parte
di una storia unica:

quella dei Magnifici 16.

Dona ora